La patente internazionale, come ottenerla e dove serve

Quante volte in viaggio avreste voluto affittare una macchina, evitare le lunghe tratte dei mezzi pubblici e riuscire a vedere in semplicità un posto? A me è capitato spesso e finché ci si trova a visitare un luogo dell’Unione Europea va tutto bene, ma come ci si deve comportare in altri continenti?

In questo articolo voglio spiegarvi cos’è la patente internazionale e come richiederla, ma anche cercare di riportarvi le piccole regole che ogni stato possiede per quanto riguarda le licenze di guida.

Lo so, forse non sarà il mio articolo più rilassante da leggere, ma fidatevi di me poter guidare in ogni continente fa la sua differenza come esperienza di viaggio.

Patente internazionale, questa sconosciuta

La patente internazionale, per dirla in breve, è un documento certificante che siamo in possesso della patente di guida nel nostro stato di residenza. Quando usciamo dall’Unione Europea è quasi sempre necessaria averla per poter noleggiare e quindi guidare un’auto o un motorino; fanno eccezione Turchia, Marocco (per un periodo massimo di 3 mesi), Kazakistan e Svizzera, oltre ad alcuni Stati americani,per esempio la California, dove basta la nostra patente italiana anche se con alcune accezioni.

Esistono due convenzioni internazionali di guida e, di conseguenza, due modelli di patente internazionale: il modello Ginevra 1949 e il modello Vienna 1968. Per fortuna la maggior parte dei paesi accetta entrambi i modelli.

I due modelli sono pressoché identici come modalità di richiesta, costi e tempi di rilascio, ma varia soltanto la durata.

Modello Ginevra 1949

– 1 anno di validità.

– 42,20€ è il costo per il rilascio

– I tempi per riceverla possono variare e si può aspettare anche 20 giorni

– Per richiedere la patente internazionale modello Ginevra 1949 basta recarsi alla Motorizzazione civile e ACI e compilare i moduli dedicati.

– I paesi che accettano il modello di Ginevra 1949 sono i seguenti: Albania, Algeria, Argentina, Australia, Austria, Bangladesh, Barbados, Belgio, Benin, Botswana, Bulgaria, Cambogia, Canada, Cile, Cina, Cipro, Congo, Costa d’Avorio, Cuba, Danimarca, Ecuador, Egitto, Fiji, Filippine, Finlandia, Francia, Georgia, Ghana, Giappone, Giordania, Grecia, Guatemala, Haiti, India, Irlanda, Islanda, Israele, Italia, Jamaica, Kirghizistan, Laos, Lesotho, Libano, Lussemburgo, Madagascar, Malawi, Malaysia, Mali, Malta, Marocco, Namibia, Niger, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Papua Nuova Guinea, Paraguay, Perù, Polonia, Portogallo, Principato di Monaco, Regno Unito, Siria, Repubblica Ceca, Repubblica centrafricana, Repubblica democratica del Congo, Repubblica di Corea, Repubblica dominicana, Romania, Rwanda, San Marino, Senegal, Sierra Leone, Singapore, Slovacchia, Spagna, Sri Lanka, Stati Uniti d’America, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Thailandia, Togo, Trinidad e Tobago, Tunisia, Turchia, Uganda, Ungheria, Vaticano, Venezuela, Vietnam, Zaire, Zimbabwe.

Modello Vienna 1968

– 3 anno di validità.

– 42,20€ è il costo per il rilascio

– I tempi per riceverla possono variare e si può aspettare anche 20 giorni

– Per richiedere la patente internazionale modello Vienna 1969 basta recarsi alla Motorizzazione civile e ACI e compilare i moduli dedicati.

– I paesi che accettano il modello di Vienna 1968 sono i seguenti: Austria, Bahamas, Bahrein, Belgio, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Brasile, Bulgaria, Cile, Corea, Costa d’Avorio, Costarica, Croazia, Cuba, Danimarca, Ecuador, Filippine, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Ghana, Gran Bretagna, Grecia, Guyana, Kazakistan, Kuwait, Indonesia, Iran, Israele, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Marocco, Messico, Moldavia, Mongolia, Niger, Norvegia, Pakistan, Polonia, Portogallo, Principato di Monaco, Repubblica Ceca, Repubblica centrafricana, Romania, San Marino, Senegal, Seychelles, Slovacchia, Spagna, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Tagikistan, Taiwan, Thailandia, Turkmenistan, Ucraina, Ungheria, Uruguay, Uzbekistan, Vaticano, Venezuela, Zaire.

Come richiedere la patente internazionale Step By Step

Ora vediamo vediamo i vari passi per richiedere la patente internazionale.

-1:Scopri a quale delle due Convenzioni internazionali ha aderito il Paese in cui devi recarti, oppure se sono accettati entrambi i modelli. Per saperlo può consultare il sito Viaggiore Sicuri.

-2:Compila il Modello TT 746 per la patente internazionale. Lo trovi negli uffici della Motorizzazione civile, oppure puoi scaricarlo online dal sito della Motorizzazione civile

-3:Paga in Posta i due bollettini precompilati previsti dalla legge:

  • 10,20€ su c/c 9001.
  • 16,00€ su c/c 4028.

-4:Recati alla Motorizzazione civile con tutto l’occorrente:

  • Modello TT 746 compilato in ogni sua parte in duplice copia.
  • Patente di guida italiana in corso di validità.
  • Attestazione del pagamento dei due bollettini.
  • Due foto recenti, di cui una autenticata.
  • Fotocopia fronte-retro della patente di guida.
  • Fotocopia del codice fiscale.
  • Una marca da bollo di 16,00€.

-5: Aspetta circa 20 giorni (anche se solitamente ci impiegano meno).

-6: Torna in Motorizzazione con la patente originale (anche in caso di delega) e ritira la tua patente di guida internazionale.

Paese che vai, eccezione che trovi

Ovviamente esistono delle eccezioni che possono complicare la vita, quindi qualche mese prima di partire informati bene presso la motorizzazione e nel sito della farnesina.

Se alcuni Paesi riconoscono entrambe le convenzioni internazionali (ad esempio l’Indonesia), c’è anche qualcuno che non riconosce nessuno dei due e che considera il permesso internazionale di guida carta straccia. È il caso della Cina, dove per guidare occorre richiedere una patente temporanea speciale e sottoporsi a una lezione di guida di due ore.

In altri Paesi ancora, come l’Algeria, la patente deve essere tradotta e certificata in francese, mentre in Marocco per guidare e noleggiare un’auto è sufficiente la patente italiana, ma solo per 3 mesi.

In Canada i turisti possono guidare con una patente di guida italiana per un breve periodo che varia da una provincia a un’altra, mentre in Sudafrica viene accettata la patente italiana conforme al modello dell’Unione Europea ma per noleggiare un veicolo è necessaria la patente internazionale, ma accettano entrambi i modelli.

I più eclettici sono però, nemmeno a dirlo, gli Stati Uniti, dove ogni Stato fa talmente da sé che in alcuni casi sembra di essere in Europa: in alcuni Stati come la California e il Nevada è possibile circolare anche con la sola patente italiana.

Per evitare qualunque equivoco visita il sito Viaggiare Sicuri dove troverai le informazioni su qualunque paese del mondo. Seleziona il Paese di tuo interesse e poi clicca sulla pagina“Mobilità”.

Qui troverai non solo quale tipo di patente è necessario ma anche altre eventuali specifiche. In Giappone ad esempio non sono accettate assicurazioni auto estere, ma solo quelle stipulate in loco.

Come ti muovi quando sei in viaggio, hai mai avuto esperienze di guida fuori dall’Unione Europea? Fammelo sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *